Publications

Gas, salvezza per lo smog

30.11.2018
smog

La qualità dell’aria che diventa drasticamente peggiore nelle città polacche, è un chiaro segnale per una reazione immediata. Conviene tuttavia considerare che questo stato non dipende solo dalle fabbriche, ma anche in gran parte dai cittadini stessi. Cosa si può fare per non abbinare il sinonimo di Regina dello Smog alla Polonia?

Dagli esami eseguiti dall’Istituto Supremo di Controllo risulta che la principale causa di inquinamento dell’aria è il riscaldamento individuale degli edifici. Tuttavia anche le macchine non sono senza colpa, in particolare quelle con il motore Diesel. Perciò le autorità di alcune città, nei periodi di allarme smog, cercano di prevenire, ad esempio offrendo il trasporto pubblico gratuito e invogliando in questo modo a rinunciare alle macchine. - Molte persone non vogliono rinunciare ad una macchina comoda, riscaldata e con il sistema di filtrazione dell’aria inquinata al posto del trasporto pubblico e l’aspirazione dei fumi alle fermate. Questi allarmi smog non riguardano però i proprietari di macchine a gas, sia GPL che CNG. Sono carburanti ecologici che non emettono particelle solide - principale componente dello smog ed emettono molto meno sostanze tossiche, quali ad esempio CO, NOx – ammette Katarzyna Rutkowska - presidente dell’azienda AC S.A., produttore di impianti a gas a marchio STAG.

Conviene tener presente che in molte capitali europee e altre grandi città, soprattutto di Germania, Italia, Spagna o Francia, le autorità introducono il divieto di circolazione nei centri delle città per le macchine più inquinanti, tra cui quelle a diesel. - Ciò non riguarda solo le macchine ecologiche a gas, ad esempio a Parigi è possibile andare in macchina a gas in tutte le zone della città e tutti i giorni, anche dopo l’annuncio dell’”allarme smog”, cioè durante l’elevato livello di inquinamento - aggiunge Katarzyna Rutkowska.

Le macchine elettriche non sono una soluzione

Le “ecologiche” macchine elettriche sono care e poco comode nell’uso a causa della bassa portata in caso di assenza di infrastrutture di rifornimento. In più, consumano l’energia prodotta con il carbone in modo “non ecologico” e lo smaltimento delle loro batterie è un notevole peso per l’ambiente. La loro divulgazione è il canto del futuro, invece una macchina a gas la possiamo avere molto velocemente - la conversione in GPL dura qualche ora e tale impianto a gas può essere montato in quasi tutti i tipi di macchine, anche in quelle più inquinanti, cioè con il motore Diesel. - L’impianto a gas per il diesel è una soluzione abbastanza recente, presente sul mercato da qualche anno. Si sa comunemente che il diesel non viene completamente bruciato (circa il 75%-85%) e inquina molto, emette particelle solide. È possibile prevenire questo fenomeno. Lo si può fare con i filtri antiparticolato che sono l’incubo dei conducenti di macchine a Diesel poiché causano molti problemi, soprattutto nel ciclo urbano. Questi filtri vengono smontati raramente, influendo sulla nostra salute in modo negativo perché le particelle solide non sono nient’altro che lo smog. L’aggiunta del gas al diesel le elimina quasi completamente, proteggendoci dal tumore ai polmoni o dalle altre malattie dell’apparato respiratorio e del sistema circolatorio - dice Katarzyna Rutkowska, presidente dell’azienda AC S.A.

GPL - unico carburante che soddisfa le norme dell’inquinamento

L’approccio ecologico dell’alimentazione a gas corrisponde ad un minore inquinamento dell’aria, poiché la miscela di propano e butano brucia in modo più efficace della benzina e i suoi residui penetrano meno nell’olio motore. - La dimensione ecologica del GPL è facile da verificare con un analizzatore di gas di scarico, eseguendo la misurazione dei composti tossici in essi presenti - ad esempio il contenuto di CO, HC e NOx nei gas di scarico con l’impianto a gas correttamente montato, configurato e regolato è molto più basso - ammette Tomasz Cybulko, direttore del Centro di Ricerca e Sviluppo dell’azienda AC S.A., produttore di impianti a gas a marchio STAG. In base agli esami eseguiti in officina, si può scoprire che il GPL non contiene nemmeno una traccia di composto di zolfo e piombo. - Ciò deriva dal fatto che i carburanti gassosi non li contengono, a differenza della benzina, dove il piombo viene aggiunto soprattutto per aumentare il numero di ottani - aggiunge Tomasz Cybulko.

Il GPL e il CNG non emettono particelle solide nell’atmosfera e assicurano una minore emissione di impurità rispetto ai carburanti tradizionali quali benzina o diesel. La notevolmente minore emissione di composti nocivi nell’atmosfera fa sì che la macchina a gas possa essere trattata come un elemento della politica antismog a lunga durata.

In Polonia attualmente ci sono oltre 3 milioni di conducenti consapevoli che hanno già convertito la loro macchina al gas. Perciò risparmiano molto denaro, viaggiano ecologicamente e non rovinano l’ambiente proteggendo contemporaneamente la propria salute.

« back